Disturbi Specifici di Apprendimento – DSA

E’ un argomento che incuriosisce una percentuale abbastanza elevata della popolazione scolastica e il malessere psicologico ed emotivo-motivazionale, le reazioni di camuffamento e le strategie di adattamento che vengono messe in atto sono spesso interpretate come scarso impegno, pigrizia o, peggio ancora, semplice svogliatezza. Queste interpretazioni improprie sono purtroppo ancora dannosamente diffuse. Proprio per questo motivo è importante divulgare innanzitutto una cultura corretta per quanto riguarda la conoscenza delle difficoltà e dei Disturbi Specifici dell’Apprendimento affinché la scuola si avvii per garantire a ogni allievo il diritto allo studio e la raggiungibilità alla conoscenza secondo le sue possibilità e modalità. È proprio nell’ambito scolastico che rimbomba l’importanza di individuare e intervenire opportunamente in quelle situazioni di difficoltà, che siano o meno definibili Disturbi Specifici dell’Apprendimento. Nel caso specifico dei DSA, l’intervento a carico della scuola, sia in fase di identificazione precoce del rischio, che di attuazione di strategie didattiche individualizzate e specifiche, si fa fondamentale. Sempre più spesso, infatti, è nel contesto classe che si rilevano eventuali criticità dell’allievo e così i docenti sono chiamati ad essere mediatori con la famiglia, senza creare preoccupazione, e con quelle figure professionali che si impegnano per il benessere dell’individuo.

Quanto è importante la formazione in questo campo?

In quest’ottica i Master propongono a insegnanti, pedagogisti ed educatori che lavorano nel contesto scolastico, un percorso formativo completo che riguarderà principalmente le variabili implicate nell’apprendimento scolastico, le difficoltà tipiche dell’allievo con DSA, le strategie didattiche più funzionali e le caratteristiche di un intervento didattico-educativo efficace.