L’educatore professionale e gli interventi psicopedagogici.

L’educatore professionale si occupa  degli interventi psicopedagogici a favore di persone a rischio. Progetta interventi mirati, insieme alla rete di altri professionisti e istituzioni, seguendo la persona in modo continuo e costatandone  i progressi. In altri termini, si occupa di mettere in atto interventi educativi e riabilitativi, nell’ambito di un progetto terapeutico. L’obiettivo e il recupero e l’autonomia della vita quotidiana della persona in carico.

Gli ambiti in cui lavora sono differenti. Infatti non si parla più di educatore in modo generico, ma sono state introdotte delle differenze tra l’educatore socio-sanitario, quello socio-pedagogico, quello socio-culturale proprio al fine di sottolineare le specificità di queste figure alle quali corrispondono percorsi formativi differenti.

L’educatore professionale deve avere una forte propensione alle relazioni umane. Si tratta di una professione a stretto contatto con l’utenza, per questo motivo il lavoro deve essere orientato alla persona. Sebbene ci sia una parte di pianificazione e un lavoro amministrativo, quello dell’educatore non è un lavoro da svolgere dietro una scrivania.