Educatori professionali e legge Iori

L’educatore professionale è una figura esistente da sempre. Ciononostante, è stata regolata solo nel 2017, con la legge Iori, che tutela tutti coloro hanno seguito un percorso di laurea L-19.
Infatti, prima di questa legge, non era necessario il diploma di Scienze dell’educazione e della formazione. Bensì si poteva intraprendere la strada senza un adeguato titolo di studio.

Non si parla solo di chi ha una laurea in altre discipline, bensì anche di molti non laureati.
Qui si ci divide tra l’educatore ‘socio-sanitario’ ed il pedagogista.
Per il primo, nel caso abbia intrapreso un diploma in ‘Professioni sanitarie’ è necessario un
percorso riabilitazione nella classe L/SNT/2.

Per i pedagogisti è necessaria una delle seguenti lauree magistrali:
LM-50 (PROGRAMMAZIONE E GESTIONE SERVIZI EDUCATIVI);
LM-93 (TEORIE METODOLOGICHE DELL’E-LEARNING);
LM-85 (SCIENZE PEDAGOGICHE);
LM-57 (SCIENZE DELL’EDUCAZIONE DEGLI ADULTI E FORMAZIONE CONTINUA);

Nonostante ciò è possibile un percorso abilitante per tutti coloro che hanno:
svolto la professione per almeno tre anni;
superato un concorso per entrare come educatore nella Pubblica Amministrazione;
Conseguito un diploma magistrale entro il 2002.

E’ possibile seguire, anche tramite corsi di e-learning il corso di educatore professionale, della durata di un anno, con il conseguimento di 60 CFU.